Un ballo in maschera da Torino al cinema

La recita del prossimo 21 giugno di Un ballo in maschera diretto da Renato Palumbo al Teatro Regio di Torino (in scena dal 19 giugno al 1 luglio) sarà trasmessa in diretta nel circuito Microcinema.

 L’attesissima diretta satellitare di Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi vede come protagonisti il tenore Gregory Kunde, imponente con il suo stile impeccabile e l’eccelsa padronanza del suo ruolo drammatico, e il soprano Oksana Dyka che ci ha già ipnotizzato lo scorso anno nel ruolo di Nedda ne I Pagliacci in diretta dalla Scala di Milano. Dirige il Maestro di fama mondiale Renato Palumbo, alla regia Lorenzo Mariani che ha lavorato con le più acclamate Opera Houses e i più ricercati Festival del mondo.
XVII secolo, il Conte Ricccardo, governatore della colonia inglese di Boston, sotto il regno di Carlo II, è segretamente innamorato, e corrisposto, di Amelia, moglie del creolo Renato, suo segretario e carissimo amico. Le nefasta profezia sulle loro sorti della maga Ulrica, che il Conte Riccardo avrebbe dovuto condannare all’esilio per stregoneria, apre un impietoso squarcio sul loro futuro: a complicare i giochi, il complotto tramato da un gruppo di congiurati guidati da Samuel e Tom, nemici del Conte. Il dramma convergerà al ballo in maschera “splendidissimo” che si terrà nel palazzo del Conte Riccardo.
Un appuntamento immancabile con l’alta definizione satellitare dell’Opera al Cinema, evento di punta del mese di Giugno direttamente dal Teatro Regio di Torino, elogiato dal noto magazine internazionale online MusicalAmerica.com per la sua produzione de “I Vespri Siciliani” di Giuseppe Verdi, indicato come uno dei migliori eventi musicali al mondo del 2011 e sempre disponibile a catalogo Microcinema.

Giovedì 21 Giugno ore 20:00
In diretta dal Teatro Regio di Torino nei migliori cinema digitali italiani!

PIEMONTE.
Coazze – ECOMUSEO ALTA VAL SANGONE

LIGURIA:
Genova – CINEMA TEATRO VERDI
Sarzana (SP) – ITALIA

LOMBARDIA:
Cesano Boscone (MI) – CRISTALLO
Saronno (MI) – SILVIO PELLICO
Montichiari (BS) – GLORIA
Gavirate (VA) – SALA COMUNALE GARDEN

VENETO:
Verona – SAN MASSIMO
Robegano (VE) – SALA ORATORIO

TRENTINO ALTO-ADIGE:
Trento – G. MODENA

EMILIA-ROMAGNA
Bologna- EUROPA
Rimini – TIBERIO
Riccione – CINEPALACE

TOSCANA:
Firenze – FULGOR
Firenze – FIAMMA
Grosseto – STELLA
Sesto Fiorentino (FI) – MULTISALA GROTTA
Marciana Marina (LI) – METROPOLIS
Santa Croce sull’Arno (PI) – SUPERCINEMA LAMI
Colle Val d’Elsa (SI)- SANT’AGOSTINO
Altopascio (LU) – PUCCINI
Capalbio (GR)- TIRRENO
Tolentino (MC) – MULTIPLEX GIOMETTI

MARCHE:
Pesaro – MULTISALA METROPOLIS
Macerata – ITALIA
Ancona – GOLDONI
Jesi (AN) – DIANA

LAZIO:
Ciampino – IL PICCOLISSIMO

PUGLIA:
Bari – IL PICCOLO
Lecce – DON BOSCO D’ESSAI

CALABRIA:
Reggio Calabria – AURORA

SICILIA:
Palermo – IGEA LIDO
Sciacca (AG) – BADIA GRANDE
Vittoria (RG) – GOLDEN
Erice (RG) – ARLECCHINO




Buenos Aires, La forza del destino: press

La forza del destino

Ópera en cuatro actos (Versión de 1869)
Música de Giuseppe Verdi

Libreto de Francesco Maria Piave, basado en Don Álvaro o la fuerza del sino, del Duque de Rivas.
Director de Orquesta: Renato Palumbo
Director de Escena, Escenografía, Vestuario e Iluminación: Hugo De Ana

Asistentes del Director de Escena: Nicola Zorzi – Marcin Lakomicki
Asistente de Vestuario: Cristina Aceti
Diseño coreográfico: Michele Cosentino

Orquesta Estable del Teatro Colón

Coro Estable del Teatro Colón
Director del Coro Estable: Peter Burian

Reparto

Donna Leonora di Vargas: Dimitra Theodossiou/María Pía Piscitelli

Don Alvaro: Mikhail Agafanov/ Gustavo López Manzitti

Don Carlo di Vargas: Luca Salsi/ Fabián Veloz

Padre Guardiano: Roberto Scandiuzzi/ Paolo Battaglia

Preziosilla: Agnes Zwierko/ María Luján Mirabelli

Fra Melitone: Luis Gaeta/ Luciano Miotto

Marchese di Calatrava: Fernando Radó/ Mario De Salvo

Trabuco: Fernando Chalabe/ Gabriel Centeno

Alcalde de Hornachuelos: Leonardo Estévez/ Gustavo Feulien

Curra: Guadalupe Barrientos/ Alicia Cecotti

Médico: Gustavo Feulien/ Fernando Grassi

 
[…]en esta versión del maestro Renato Palumbo. La orquesta, más liviana en la dinámica, tuvo la densidad sonora requerida, logro que permitió apreciar con mayor detalle la rica orquestación aplicada.

Juan Carlos Montero | LA NACION 

El director musical italiano Renato Palumbo tuvo a cargo la dirección de la Orquesta Estable del Teatro Colón. Palumbo, quien debutó como director a los diecinueve años con “Il trovatore”, es un especialista verdiano que guarda un respeto absoluto por la partitura. Su desarrollo de “La forza del destino” fue de gran rigor sin dejar de mostrar sentimiento cuando el drama lo exigía. En sus manos la orquesta sonó correcta, dinámica y más allá de algún destiempo con los cantantes, la música ofrecida fue de gran dimensión. […]  hoy podemos celebrar el regreso de una de las piezas fundamentales del repertorio operístico de todo el mundo a nuestro teatro, un reencuentro con una puesta de gran factura en las manos de Hugo de Ana, con una dirección musical de efectiva solvencia en la batuta del maestro Renato Palumbo y un elenco selecto que recordaremos seguramente en unos años cuando hablemos de una nueva representación de la ópera en el Teatro Colón. Esta presentación de “La forza del destino” de Giuseppe Verdi será sin dudas un punto de referencia al que aludir en el futuro.

Alejandro César Villarreal hagaselamusica.com

La Orquesta Estable de Teatro Colón, dirigida por la enérgica batuta de Renato Palumbo, transitó por los complejos laberintos de la partitura verdiana brindando una compacta versión orquestal. Palumbo […] muy atento al acompañamiento de las voces.

Enesto Castagnino habituesdelteatrocolon

Es un gran protagonista el director de orquesta Renato Palumbo, con una versión enérgica de la obertura que se sostiene a todo lo largo con nervio y pasión.

Enrique Joaquín Sirvén operadesdehoy

 





Teatro Colon de Buenos Aires: La forza del destino

Domenica 22 aprile 2012 Renato Palumbo debutta al Colon di Buenos Aires con l’opera verdiana.

La forza del destino

Ópera en cuatro actos (Versión de 1869)
Música de Giuseppe Verdi
Libreto de Francesco Maria Piave, basado en Don Álvaro o la fuerza del sino, del Duque de Rivas
Director musical: Renato Palumbo
Director de escena: Hugo De Ana
Principales intérpretes: Dimitra Theodossiou / María Pía Piscitelli / Mikhail Agafonov / Emmanuel di Villarosa / Luca Salsi / Fabián Veloz / Roberto Scandiuzzi / Paolo Battaglia / Agnes Zwierko / María Luján Mirabelli / Luis Gaeta / Luciano Miotto

Domingo 22 (AV), martes 24 (GA), jueves 26 (ANT) y sábado 28 de abril (ANN). Miércoles 2 y viernes 4 de mayo (FE)




Cagliari, 17 e 18 febbraio “Omaggio a Debussy”

Teatro Lirico di Cagliari, stagione sinfonica 2011/2012

venerdì 17 febbraio 2012, ore 20.30 – turno A
sabato 18 febbraio 2012, ore 19 – turno B

Omaggio a Debussy
Orchestra e Coro del Teatro Lirico
direttore Renato Palumbo
soprano Anna Corvino
baritono Paolo Coni
maestro del coro Marco Faelli


Claude Debussy Printemps, suite sinfonica
Gabriel Fauré Dolly op. 56
Gabriel Fauré Pavane per coro e orchestra op. 50
Gabriel Fauré Requiem per soli, coro e orchestra op. 48




Aida a Chicago da 21 gennaio al 25 marzo: rassegna stampa

G. Verdi

Aida

Aida Sondra Radvanovsky/ Hui He

Amneris Jill Grove/ Anna Smirnova

Radames Marcello Giordani/ Marco Berti

Amonasro Gordon Hawkins/ Quinn Kelsey

Ramfis Raymond Aceto/ Stefan Kocan

Conductor Renato Palumbo

Stage director Nicholas Joel

Chicago Lyric Opera 21, 25, 28, 31- 1; 3, 8-2; 6, 10, 15, 19, 22, 25-5

http://www.lyricopera.org

PRESS

Italian conductor Renato Palumbo is of the younger generations that have benefitted from Riccardo Muti’s sweeping away of performance exaggerations and accretions to Verdi’s exquisitely created scores. He and the excellent Lyric Orchestra played the score eloquently and with much inner drama.

Andrew Patner, Chicago SunTimes. DOWNLOAD AidaChicagoSunTimes

Much of the success of Saturday’s performance was due to the idiomatic musical direction of Renato Palumbo. When tension sagged on stage — particularly in the first two acts — the Italian conductor managed to lift the performance with the necessary hair-trigger adrenaline, drawing refined and powerful playing from the Lyric Opera Orchestra as needed.

Lawrence A. Johnson, Chicago Classical Review. DOWNLOAD Aida Chicago Classical Review

It helped to have Italian conductor Renato Palumbo, who displayed his Verdian credentials at the helm of “Macbeth” last year and “Ernani” the season before that, back in the pit, shaping instrumental lines and keeping things moving with keen dramatic thrust and musical sensitivity. Once again he had the orchestra speaking robust, authentic Verdi. The score was presented without musical cuts.

John von Rhein, Chicago tribune. DOWNLOAD Aida ChicagoTribune

 




Carmen a Palermo, recensione di Enrico Girardi

PALERMO

La «Carmen» rivive in una terra severa e inospitale

T erra di confine, soldati, prostitute, zingari che vivono in vecchie Mercedes anni Settanta e contrabbandano ogni cosa, sigarette, droga, donne, bambine, tecnologia. Sospeso nel tempo e nello spazio, il luogo in cui prende vita l’ azione di Carmen , nella superba messinscena di Calixto Bieito, è troppo duro e inospitale per non segnare volti, parole e gesti di chi lo abita. Nessuno sembra poter dire di sentirsi al proprio posto. Nemmeno Carmen, che sì, rivendica il bello di una vita libera e selvaggia sotto le stelle, salvo poi attaccarsi appena può all’ unica speranza di un’ altra vita, una cabina del telefono, unico mesto contatto con il mondo. Né è concepibile, qui, che Micaëla sia raffigurata come la solita santerellina acqua e sapone uscita da una sacrestia. È invece una donna forte, bella, consapevole di sé, che sa tener testa alla soldataglia allupata e tirar fuori le unghie con l’ agguerrita rivale. Prodotto dai teatri di Barcellona (dove ha debuttato), Palermo (dove è in scena fino al 25), Torino e Venezia (vi andrà prossimamente), questa Carmen fa riflettere. Vive di idee che convincono poco o tanto, realizzate in ogni caso con una tecnica teatrale formidabile, implacabile, rigorosa: una lezione di teatro che trascende ogni stanco dibattito sulle regie d’ opera. Una prova importante la produce inoltre Renato Palumbo, che detta tempi vivacissimi e sonorità taglienti senza però smarrire la bussola del lirico, del malinconico, del comico e del tragico. La varietà di toni di questo miracolo di partitura la conosce e la domina, forte di un talento drammatico che si impone. Ha fatto un passo falso quando è diventato direttore musicale alla Deutsche Oper berlinese ma è direttore d’ orchestra solidissimo sul fronte operistico. Non è «glamour» come i giovanissimi emergenti che oggi vanno di moda ma garantisce ciò che questi ultimi forse un giorno. Del cast infine si può dire solo bene, perché molto dello spettacolo di Bieito passa attraverso il loro modo di stare in scena e recitare. E lo fanno benissimo. Certo, Marcello Giordani è un tenore usurato. Spara acuti potenti ma si dimentica spesso di ciò che li precede. Bene Elena Maximova, Carmen nordica ma di bel temperamento, come la Micaëla di Alexia Voulgaridou. Una sorpresa viene poi dalla vocalità esuberante ma anche ordinata di Samuel Youn, l’ Escamillo di turno. Molti applausi a tutti. 

Enrico Girardi

Pagina 45
(20 novembre 2011) – Corriere della Sera




Renato Palumbo dirigerà Carmen a Palermo in novembre

Dopo il successo del Trovatore al Teatro Massimo di Palermo, Renato Palumbo tornerà subito sul podio del capoluogo siciliano per Carmen nell’atteso debutto italiano dell’allestimento di Calixto Bieito.

  CARMEN

Opéra -comique in quattro atti
Musica di Georges Bizet
Libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy
dalla novella omonima di Prosper Mérimée


Nuovo allestimento del Teatro Massimo
in coproduzione con il Gran Teatre de Liceu 
di Barcelona, il Teatro La Fenice di Venezia ed il Teatro Regio di Torino

Direttore
 Renato Palumbo
Regia Calixto Bieito
Scene Alfons Flores
Costumi Mercè Paloma
Luci Alberto Rodríguez Vega




Cast
Carmen (*) Elena Maximova [18, 20, 23, 25] 
Maria José Montiel [19, 22, 24]
Micaëla Alexia Voulgaridou [18, 20, 23, 25] 
Silvia Dalla Benetta [19, 22, 24]
Don José Marcello Giordani [18, 20, 23, 25] 
Jorge De Léon [19, 22, 24]
Escamillo Dario Solari [18, 20, 23, 25] 
Angelo Veccia [19, 22]
(*) Si comunica al cortese pubblico che in vista della sua prossima maternità, Elīna Garanča ha cancellato tutti i suoi impegni fino a febbraio 2012.
Orchestra, Coro e Coro di voci bianche del Teatro Massimo
Maestro del Coro Andrea Faidutti
Maestro del Coro di voci bianche Salvatore Punturo




Calendario
18 novembre 2011, 20.30, Turno Prime
19 novembre 2011, 20.30, Turno F
20 novembre 2011, 17.30, Turno D
22 novembre 2011, 18.30, Turno S2
23 novembre 2011, 18.30, Turno B

25 novembre 2011, 18.30, Turno C




Il Trovatore a Palermo

Dal 18 al 26 ottobre è in scena al teatro Massimo di Palermo Il trovatore di Giuseppe Verdi diretto da Renato Palumbo. Nel cast si alterneranno Marcello Giordani e Gustavo Porta come Manrico, Amarilli Nizza e Maria José Siri come Leonora, Mariana Pentcheva e Anna Malavasi come Azucena, Roberto Frontali e Jesus Rodriguez nei panni del Conte di Luna.

Parma 2006, Il trovatore, sul podio Renato Palumbo




Video da Tokyo




Ernani a Tokyo: Video